P.E.T. Psico-Eto-Teo-Logia
Ricerca per:
La gerarchia sociale felina

I gatti hanno una gerarchia sociale molto flessibile. Non hanno un gatto “alfa” che regna sovrano, ma la gerarchia del gatto è determinata dalla condivisione del tempo di diverse posizioni delle risorse nel loro ambiente durante il giorno. Proprio per questo i gatti sono più territoriali dei cani.

I gatti in libertà, ovvero quelli ferali (non socializzati con l’essere umano), lottano meno tra loro dei gatti di casa. Infatti, i gatti ferali, se minacciati da un conspecifico, tendono a scappare (avendo a disposizione un ambiente esterno) e non a lottare, ma i gatti indoor sono forzati a vivere condividendo risorse e delimitando il territorio e questo li porta più spesso a doversi confrontare anche fisicamente.

I gatti domestici non hanno sviluppato ancora una soluzione ai problemi territoriali tipici di un contesto domestico, dove lo spazio è limitato e deve essere condiviso da più gatti, molto spesso non familiari.

Nei gatti indoor, infatti, i problemi di rango e di territorio sono strettamente connessi.

Capiamo innanzitutto cosa intendiamo per rango.

Nei guppi felini domestici c’è una gerarchia fluida che viene definita relativa, i ranghi sociali dipendono da particolari situazioni o luoghi/postazioni.

Quindi troviamo una relazione gerarchica, ma questa ha a che fare con il territorio!

Questo perché i gatti non hanno gerarchie dominanti, ma sono una specie prevalentemente solitaria. Questo concetto di società felina è cambiato ed è ormai noto che i gatti possono vivere in grandi gruppi dinamici con una struttura sociale libera fintanto che ci sarà un abbondante approvvigionamento alimentare.

Più nello specifico, nel caso dei felini domestici, questa gerarchia è chiamata gerarchia spazio-temporale e si riferisce al gatto più alto in rango in quel momento e in quel posto (situazione) perché occupa quello spazio in quel preciso momento della giornata. La gerarchia è quindi totalmente diversa da ciò che spesso abbiamo in mente. E’ una gerarchia fluida e flessibile che cambia in continuazione durante la giornata. Non esiste quindi un gatto Alfa e definire un gatto dominante non è propriamente corretto, andrebbe piuttosto definito come altamente territoriale.

Un gatto quindi può essere il più alto in rango la mattina quando, ad esempio, occupa la postazione più alta del tiragraffi, ma nel pomeriggio lo stesso gatto potrebbe lasciare il posto ad un altro che in quel momento diventa il più alto in rango.

Ecco perché i gatti che vanno d’accordo o meglio, che formano un gruppo sociale (N.B. non è detto che un gruppo di gatti sia sociale soltanto perché li facciamo convivere insieme, devono riconoscersi e accettarsi come membri di quel gruppo) condividono le risorse principali anche nello stesso luogo/momento della giornata.

Un gatto più territoriale spende più tempo in una stanza particolare per conto proprio e probabilmente l’unico momento/luogo in cui vedrai condividere uno spazio nello stesso momento con altri gatti è sul letto! Il letto infatti è considerato una zona sicura.

Territoriale per essenza, sociale per esperienza

Il gatto è un cacciatore solitario ed è in grado di vivere senza cercare alcuna relazione sociale. Allo stesso tempo però, sono stati osservati preferenze specifiche per un individuo tra gli altri con comportamenti di “complicità” e legami profondi.

I gatti sono animali territoriali.

La territorialità del gatto non implica che i gatti difendano l’intera area. Al contrario, in alcune parti ben definite delle loro aree, i gatti possono cercare contatti con i conspecifici o meno.

Il potere dell’equilibrio – o dello squilibrio – dell’ambiente è ciò che ci permette di dire che i gatti sono principalmente animali territoriali. Nuovi mobili, traslochi, sono i classici punti di partenza dei disturbi del comportamento nei gatti (ma non nei cani!). Ma se il territorio è gestito correttamente, il gatto resiste molto bene alle modifiche.

In equilibrio in un territorio corretto, i gatti possono esibire altre abilità sociali come rapporti affettuosi con i conspecifici.

La socialità, invece, non è così facile da descrivere a causa della grande varietà individuale. Anche stando alla storia e alla genetica di un gatto, è difficile prevedere in anteprima l’esito di un incontro.

Il conflitto in ambiente domestico diventa comunque più probabile  in presenza di due gatti di uguale comportamento assertivo.

Non dimentichiamo inoltre che è la maturaità sociale, che avviene dai 2 ai 4 anni di vita, che farà emergere il tratto territoriale del gatto. In questo periodo infatti l’istinto territoriale emerge in modo drastico portando il gatto a comportarsi con tipici comportamenti di protezione con la necessità di sicuro il suo territorio, diventando “possessivo” o meglio “competitivo” sulle sue risorse.

Un problema molto comune nelle famiglie con più gatti è infatti la scarsità di posizioni delle risorse. Ciò porta ad un aumento del comportamento territoriale e competitivo con conseguente aggressività da gatto a gatto. Ad esempio, potrebbero esserci 50 giocattoli per gatti, ma si trovano tutti nel soggiorno in un cestino. I gatti devono quindi trovare un accordo per la condivisione del tempo in quella singola posizione del giocattolo. Spesso questo (non essendo un’abilità ben sviluppata nel gatto) si rivela troppo difficile, consentendo a comportamenti aggressivi o prepotenti di emergere. Lo stesso scenario stressante può verificarsi se i gatti hanno solo una posizione d’acqua, di cibo o di eliminazione. Questa unica posizione della risorsa impedisce la strutturazione della gerarchia sociale felina.

Più posizioni hai in tutta la casa per le risorse importanti dei tuoi gatti, più facile sarà strutturare la loro gerarchia sociale che come abbiamo visto è in realtà molto flessibile.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

Relazione umano-gatto

CASO DI STUDIO
RICERCA SUL RIFERIMENTO SOCIALE UMANO
Febbraio 2019

Viene riportato in questo lavoro un singolo caso oggetto di questo mio studio personale. Pertanto non si vogliono in alcun modo sostenere in modo assoluto le ipotesi qui di seguito avanzate. Lo studio completo su questo argomento coinvolge più casi ed è al momento ancora in fase di ricerca.

NOME DEL GATTO: GRIS

ETA’: 10 MESI

SVILUPPO COMPORTAMENTALE: regolare sviluppo comportamentale, distacco a 4 mesi da madre e cucciolata, ambiente di sviluppo esterno/interno (stimolazione adeguata ed equilibrata), regolare contatto umano con adulti e bambini.

STATO FISICO: Sterilizzato. Al check up veterinario risulta sano.

AMBIENTE DI VITA ATTUALE: gattile, solo interno, stanza condivisa con altri 4 gatti della stessa età. Nessun rilevamento di comportamenti anomali.

TEST DELLA PERSONALITA’: Socievole, ben manipolabile, molto tollerante al contatto anche in zone del corpo particolari come pancia, coda. Visite veterinarie eseguibili senza alcun problema. Cure farmacologiche per bocca eseguibili senza alcun problema.

STRESS SCORE TEST: leggermente teso

Nella stanza erano presenti la sottoscritta, due adulti e due bambini di circa 2-4 anni, di cui il più piccolo stava in braccio al padre.
Dopo circa 10 minuti in cui si conversava ad una distanza dal gatto di circa 2 mt, la famiglia si sposta verso l’angolo della stanza, di fronte ad un tiragraffi verticale su cui sostavano tutti i 5 gatti.

Gris è posizionato sul ripiano medio, all’interno di una cuccia di stoffa. La posizione e comunicazione corporea suggerisce che è leggermente teso, in osservazione.

Molti articoli/libri/corsi si preoccupano di spiegare l’interpretazione corretta della comunicazione felina, ma ben pochi (forse nessuno!) si preoccupa di spiegare l’importanza di un’accurata comunicazione umana verso il gatto. Possiamo essere degli esperti nell’interpretazione della comunicazione del gatto, ma essere dei pessimi comunicatori con il gatto!

A mio avviso quando umano e gatto non si conoscono è necessario:

☛ Abbassarsi – il gatto può essere intimidito dalla nostra altezza
☛ Parlare eventualmente (ma è preferibile il silenzio) delicatamente con voce calma.
☛ Lasciare che il gatto si avvicini per primo – il gatto deve sentirsi abbastanza a suo agio da permetterci di toccarlo.
☛ Muoversi lentamente attorno al gatto: i movimenti veloci possono intimidire il gatto
☛ Stendere la mano e lasciare che il gatto annusi il nostro odore – questo forma un rapporto di fiducia
☛ Non continuare ad avvicinarsi al gatto se non sembra interessato
☛ Non chiudere in un angolo il gatto – può sentirsi intrappolato
☛ Non guardare direttamente negli occhi il gatto: il gatto potrebbe trovarlo offensivo e intimidatorio

Dopo circa altri 10 minuti la signora si avvicina porgendo la mano, ma Gris scende immediatamente dal tiragraffi posizionandosi nella parte inferiore. La reazione è un pò anomala perché tendenzialmente questo gatto accetta volentieri il contatto umano. E’ probabile che la postura degli umani estranei sia stata intesa come una possibile minaccia (in piedi e un umano in piedi + la bambina in braccio), posizionati proprio frontalmente al gatto.

Dopo poco, Gris percorre la stanza sul perimetro e mi raggiunge. Io sto in mezzo alla stanza, ad una distanza dal tiragraffi di circa 2mt in piedi. Solitamente i gatti intimiditi possono percorrere lo spazio seguendo il perimetro. Comincia a strofinarsi sulle mie gambe e cerca con insistenza un contatto visivo. Mi abbasso.

Il gatto mi conosce.
Questo è un elemento importante.
Nonostante stessi anch’io in piedi, il gatto si è avvicinato perché non mi considera un estranea.

Il comportamento, però, sul quale mi voglio soffermare è lo strofinamento e il contatto visivo.

Lo sfregamento risulta eccessivo e continuo, alternato alla ricerca del contatto visivo.

Il sistema sociale dei gatti domestici comprende tutti gli animali che condividono il loro spazio domestico. Questi possono essere percepiti come minacce (cani, umani), concorrenti per le risorse (altri gatti) o prede (piccoli uccelli, pesci e “animali domestici”).

I gatti tra loro utilizzano il comportamento di mantenimento della distanza per evitare conflitti diretti, l’importanza dell’interazione sociale in questa specie è chiara dalla presenza di comportamenti di diminuzione delle distanze e di affiliazione.
Quando il gatto viene avvicinato da individui di una specie che non teme, ci sono due tipologie di distanze che diventano importanti. Gli individui ben accettati sono ammessi ad un approccio intimo, incluso il contatto fisico, e quindi possono entrare nella distanza personale del gatto. Altre conoscenze non saranno attaccate, ma non saranno ammesse entro la distanza personale. Questo spazio è chiamato la distanza sociale.

Nelle colonie di gatti selvatici, i felini si confermano a vicenda come membri della loro colonia, strofinandosi tra di loro. Questa è una forma di comunicazione e accettazione. Quando i gatti trasferiscono questo comportamento sull’uomo, mescolano i loro odori con quelli umani.

Il sistema sociale dei gatti domestici comprende tutti gli animali che condividono il loro spazio domestico. Questi possono essere percepiti come minacce (cani, umani), concorrenti per le risorse (altri gatti) o prede (piccoli uccelli, pesci e “animali domestici”).
I gatti tra loro utilizzano il comportamento di mantenimento della distanza per evitare conflitti diretti, l’importanza dell’interazione sociale in questa specie è chiara dalla presenza di comportamenti di diminuzione delle distanze e di affiliazione.
Quando il gatto viene avvicinato da individui di una specie che non teme, ci sono due tipologie di distanze che diventano importanti. Gli individui ben accettati sono ammessi ad un approccio intimo, incluso il contatto fisico, e quindi possono entrare nella distanza personale del gatto. Altre conoscenze non saranno attaccate, ma non saranno ammesse entro la distanza personale. Questo spazio è chiamato la distanza sociale.
continuo, alternato alla ricerca del contatto visivo.

Non solo il comportamento di sfregamento della testa lascia segnali chimici (feromoni) che identificano gli incontri amichevoli, ma pone anche il gatto in posizione vulnerabile, quindi, non è solo un modo per esprimere cordialità, ma anche fiducia. Le ghiandole coinvolte, presenti in questa zona del corpo, infatti, producono sostanze chiamate feromoni di familiarizzazione che trasformano oggetti/soggetti marcati in oggetti/soggetti familiari.

Durante questo rituale si verifica quindi un importante scambio di odori che serve a creare un odore comune e familiare tra tutti gli individui che condividono quel territorio. Lo sfregamento non è una dimostrazione di affetto nel senso umano della parola, ma è comunque un comportamento che i gatti esibiscono solo con individui che fanno parte del loro mondo e che danno loro un senso di sicurezza.

I gatti acquisiscono sicurezza dall’odore del gruppo

E’ probabile quindi che Gris, in questo momento di tensione e di incertezza, abbia avuto la necessità di cercare un punto di sicurezza, un umano quindi conosciuto, sul quale ha deposto il suo odore mescolandolo con quell’umano per acquisire sicurezza.
Il comportamento è stato molto deciso, eccessivo e continuo, tipico di un soggetto ansioso.
Non solo, ma durante l’esibizione di questo comportamento, ha cercato il contatto visivo con me.

In genere i gatti evitano il contatto visivo quando sono spaventati o minacciati; quando sono offensivamente aggressivi, lo sguardo rimane fisso.

Un nuovo studio (vedi Merola et al. 2015. Social referencing and cat-human communication. Animal Cognition 18, 639-648) ha scoperto che, proprio come i bambini e i cani che guardano ai genitori e ai proprietari per essere rassicurati di fronte a oggetti o situazioni non familiari, i gatti possono anche prendere spunti comportamentali dai loro umani. Questa capacità comunicativa di analizzare le espressioni facciali e il tono della voce e reagire alle risposte emotive dell’umano come persona di fiducia, è chiamata “riferimento sociale”.

I gatti possono cambiare il loro comportamento in risposta ai messaggi emotivi dei loro proprietari.

I gatti usano le informazioni emotive fornite dai loro proprietari su un oggetto/soggetto nuovo/sconosciuto per orientare il loro comportamento.

Tutto questo ci parla molto del condizionamento che lo stato emotivo dell’umano può produrre sul proprio gatto.

Questo è uno dei motivi per cui ho sviluppato un metodo/approccio insegnato presso il Centro di Cultura Felina®, che tiene conto di questo legame e condizionamento reciproco. Il rapporto umano-gatto è un legame in cui entrano in gioco diverse dimensioni, non solo quella fisica, ma anche psicologica, emotiva e spirituale.

Clicca per la versione pdf scaricabile.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

SERIE DI WEBINAR: LA DEPRESSIONE NEL GATTO

Una serie di webinar per conoscere e riconoscere la depressione nel gatto e la sua espressione nella relazione umano gatto.

DATE E ARGOMENTI:

09 gennaio 2024 ore 19 – 

  • che cos’è la depressione e come riconoscerla nel gatto
  • come prevenirla
  • casistiche in cui si può sviluppare

16 gennaio 2024 ore 19 –

  • il legame umano gatto
  • io mi sento e tu esprimi: il riflesso nella relazione umano gatto

23 gennaio 2024 ore 19 –

  • gli oli essenziali per la coppia umano gatto e gli esercizi da fare assieme

DURATA DI OGNI WEBINAR: 2h con possibilità di domande

MODALITA‘: Diretta Live Streaming su piattaforma Zoom con possibilità di OnDemand (registrazione)

CONTRIBUTO PER L’INTERA SERIE: € 90

 

PER ISCRIVERSI:

Leave this field blank

WEBINAR I MIEI GATTI NON VANNO D’ACCORDO:PERCHE’?

Il Webinar si terrà il 28/11/23 alle ore 19

DURATA: 2H

PIATTAFORMA: Zoom. Invierò il link il giorno stesso del webinar

MATERIALI: verrà rilasciato il manuale dei perchè con gli spunti di lavoro sul problema

DOMANDE IN DIRETTA: verrà data la possibilità di fare domande in diretta anche sul proprio caso

Sconto del 20% sulla prenotazione di un percorso di consulenza personale con me per chi ha partecipato al Webinar e ha prenotato la consulenza entro 3h dal termine del webinar

DI COSA PARLEREMO?

  • Nozioni sulla territorialità e socialità del gatto
  • Tutti i perchè della cattiva convivenza
  • Spunti di lavoro sul proprio caso
  • risposta in diretta alle domande generiche o personali

POSTI LIMITATI: sono previsti 10 posti per poter dedicare un tempo di qualità alle domande. In caso di prenotazioni superiori organizzerò una seconda sessione a dicembre.

COSTO: € 50

Se vuoi iscriverti compila il form oppure scrivimi via mail ewaprinci@gmail.com

Leave this field blank

SVEGLIE NOTTURNE – PERCORSO RISOLUTIVO

Un percorso risolutivo di 8 settimane in cui ti seguirò passo passo. Ti aiuterò a capire meglio il tuo gatto, risolvere il problema e rafforzare il vostro legame.

Il percorso si svolgerà con 4 incontri di gruppo in diretta Live e una Call individuale con me della durata di 1 ora.

Sarà per te un percorso completamente personale e personalizzato, dettagliato e attento ai minimi particolari. Non risolverai solamente il problema, ma migliorerai nettamente la relazione con il tuo gatto! Resteremo in stretto contatto per tutta la durata del percorso e oltre! Infatti rimarrò sempre e PER SEMPRE disponibile se avrai bisogno di un confronto.

DATE:

Il percorso è in Live ma puoi anche intraprenderlo quando vuoi nella sua forma OnDemand.

LUNEDI’ 29/05 parleremo della natura del gatto per capire cosa sta alla base di questo comportamento, scoprirai cose nuove sul tuo gatto e comincerai a guardarlo con i suoi occhi!

LUNEDI’ 05/06 vedremo come assecondare la sua natura in un contesto domestico indoor. La relazione e la convivenza insieme cominceranno letteralmente a esplodere verso un meraviglioso viaggio insieme. I miglioramenti li potrai vedere da subito.

MARTEDI ‘ 13/06 Sveglie notturne parte 1, cominceremo a capire nel dettaglio i perchè delle sveglie notturne e come risolvere procedendo con esercitazioni pratiche da mettere in atto da subito.

MARTEDI’ 27/06 Sveglie notturne parte 2, proseguiremo con lo studio dettagliato dei perchè e delle soluzioni da mettere in atto.

CALL INDIVIDUALE in cui ci confronteremo sui progressi e su eventuali azioni da intraprendere ulteriormente per il tuo caso.

 

Non intraprendere questo percorso se non sei realmente interessato a impegnare queste 8 settimane facendo esercizi pratici con il tuo gatto e realizzare tutto ciò che ti indicherò.

Sarà un percorso indimenticabile perchè rafforzerai il legame con il tuo gatto e… scoprirai qualcosa in più anche su di te!

 

QUANTO COSTA?

Il percorso intero ha un costo di € 300 che suddividerai in due rate mensili (150 all’iscrizione entro il 25/05+150 entro il 25/06)

 

VOGLIO PARTECIPARE:

COSA CAUSA ANSIA NEL GATTO

Si stima che fino al 50% dei gatti domestici soffra di un disturbo emotivo e, sebbene non sia chiaro quanti di questi siano legati specificamente all’ansia, è comunque inevitabile che l’ansia sia presente in una grande percentuale di casi. 

I gatti sono infatti animali territoriali e hanno interazioni sociali complesse. I gatti ben socializzati possono formare legami con altri gatti con cui convivono, ma vivere con un altro gatto non è essenziale per il loro benessere emotivo. Infatti, l’introduzione o l’accesso incontrollato ad altri gatti (sia conviventi che del vicinato) può portare a interazioni negative. Allo stesso modo, i gatti possono essere ansiosi riguardo a interazioni indesiderate o spiacevoli con altri animali domestici, esseri umani o per l’esposizione a rumori o stimoli minacciosi (ad esempio aspirapolvere).

L’ansia può essere definita come l’anticipazione di un evento negativo che può essere reale o semplicemente percepito. È strettamente collegata alla paura, che viene vissuta quando un individuo si trova di fronte a una minaccia percepita. L’ansia, quindi, manca in realtà di un evento scatenante specifico.

Cosa causa l'ansia?
1. La genetica
2. L'ambiente in cui i gattini vengono allevati tra le 2 e le 7 settimane di età ha un ruolo importante nel ridurre il potenziale sviluppo dell'ansia. Durante questo "periodo di socializzazione", i gattini imparano quali aspetti del loro ambiente siano normali e sicuri, quindi tutto ciò che sperimentano durante questo periodo viene poi accettato quando lo incontrano più tardi da adulti. Allo stesso modo, tutto ciò che non incontrano durante questo periodo è molto più probabile che produca una risposta di paura dopo le 7 settimane di età. Maggiore è la varietà di esperienze positive che hanno durante questo periodo, maggiore è la probabilità che affrontino nuove esperienze in futuro.

Anche le risposte umane al comportamento del gatto possono indurre ansia (apprendimento). L’uso di metodi avversivi (qualcosa che il gatto trova spiacevole) come spruzzi d’acqua o urla nel tentativo di ridurre il comportamento indesiderato farà sì che il gatto anticipi i risultati negativi e questa ansia diventerà generalizzata se la punizione è imprevedibile per il gatto. Anche i tentativi di approcciarsi o essere manipolato senza il suo consenso indurranno uno stato di ansia.

Prevedibilità e controllo

La prevedibilità e il controllo sull’ambiente riducono l’ansia. Al contrario, cambiamenti nella routine come un trasloco, la privazione dell’abitudine dell’accesso all’aperto, i cambiamenti nella relazione umana, visite veterinarie, viaggi, visitatori estranei o anche un improvviso cambiamento del cibo possono indurre ansia.

Non dimentichiamo che anche il dolore o la malattia aumenteranno l’ansia sia per l’anticipazione del dolore (ad esempio, un gatto che soffre di artrite può anticipare il dolore quando deve entrare nella lettiera, portando nel tempo alla minzione inappropriata) .

In realtà: minzione inappropriata, marcatura di urine, leccamento eccessivo o diminuito, vocalizzazioni eccessive, cambiamenti nell’alimentazione o nel sonno, graffiature aumentate, aggressività, nascondersi, ritiro sociale, riduzione dei comportamenti di gioco o agorafobia, sono tutti potenziali sintomi di ansia.

Metodi per ridurre l’ansia nel gatto

Il territorio centrale del gatto dovrebbe consentire e incoraggiare il gatto a nascondersi. Nascondersi non è una cosa negativa! E’ una strategia di adattamento per il gatto! Possono essere forniti nascondigli sia a livello del suolo che rialzati. I nascondigli alti consentono ai gatti di sorvegliare meglio l’ambiente alla ricerca di potenziali intrusi e altre minacce.

Un ambiente che garantisca un livello ragionevole di coerenza e prevedibilità su cui il gatto percepisce di avere il controllo ridurrà il rischio dello sviluppo di uno stato di ansia. Ogni volta che si pianifica un cambiamento in una risorsa (es. cibo, lettiera), posizionare la nuova risorsa adiacente alla risorsa esistente, questo consentirà al gatto di scegliere.

I gatti evitano di incontrare gatti sconosciuti, ove possibile, attenendosi a una sorta di condivisione temporale dei luoghi e delle risorse. Dove coabitano più gatti è necessario sempre fornire spazio sufficiente per consentire a ciascun gatto di mantenere una distanza sociale da 1 a 3 metri ed è importante fornire più luoghi di riposo e risorse per evitare la competizione.

Altri animali che coesistono nell’ambiente del gatto possono essere percepiti come predatori (ad es. Cani). Il gatto dovrebbe essere in grado di controllare e scegliere se avvicinarsi e per quanto tempo mantenere il contatto con qualsiasi specie di predatori, così come con gli esseri umani (sia familiari che non familiari).

Sbocchi adeguati per il comportamento di gioco sono essenziali per ridurre l’ansia e dovrebbe incorporare la naturale sequenza predatoria.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

Un gatto perso può ritrovare la via di casa?

Tutti sono concordi nel dire che il fenomeno del saper tornare indietro anche a una lunga distanza, si spiega con il senso dell’orientamento che è innato negli animali e presente anche nell’uomo, ma le opinioni differiscono sul meccanismo utilizzato per orientarsi. Alcuni studi negli anni ’70 hanno rivelato che anche nell’uomo è presente un innato senso della direzione e che questo viene ostacolato dalla presenza di potenti fonti magnetiche e quindi si arrivò alla conclusione che gli animali come gli uomini utilizzano una sorta di bussola naturale per l’orientamento.

Gli uccelli sono le specie più conosciute per la loro capacità di navigare su lunghe distanze e gli strumenti che usano a questo scopo sono stati oggetto di studio per molti anni. Gli scienziati hanno scoperto che gli uccelli migratori, come le oche, usano segnali visivi come rocce e paesaggi, nonché l’orientamento del sole, della luna e delle stelle per trovare la loro strada. Il salmone usa gli spunti olfattivi per tornare nelle acque di casa a migliaia di km di distanza.

Gli animali migratori percorrono lunghe distanze sia per riprodursi che per sfuggire al clima rigido e devono trovare la strada precisa su oceani, deserti, foreste e montagne. Oltre agli uccelli anche pesci, rettili e molti invertebrati come crostacei, anfipodi, formiche, api e vespe possiedono straordinarie capacità di attraversare oceani, deserti e montagne per raggiungere la loro destinazione.

Le tartarughe marine, ad esempio, migrano per migliaia di chilometri nell’oceano prima di fare ritorno per nidificare in quel preciso luogo dove sono nate, fanno affidamento sul campo magnetico terrestre e sembra che appena nate, memorizzino lo specifico campo magnetico della loro spiaggia natale.

Che cos’è l’Homing?

Questo fenomeno si chiama Homing. Alcuni gatti smarriti sono in grado di ritrovare la strada di casa usando questo istinto.

L’homing è la capacità di un animale di orientarsi verso una posizione originale attraverso aree sconosciute. Questo può essere un territorio di origine o un luogo di riproduzione.

Questo abilità nel gatto è poco compresa, ma potrebbe essere dovuta a una sensibilità al campo geomagnetico della terra.

Anche il gatto ha questa capacità?

Anche per quanto riguarda il gatto alcuni scienziati pensano che il fenomeno dell’homing sia legato ad una loro sensitività al campo magnetico della terra. Si presume che i gatti assegnino alla propria abitazione il punto di riferimento e che si orientino sempre in base a quello.

La letteratura purtroppo è piuttosto scarsa nel settore felino: uno degli esperimenti più dettagliati di Francis Herrick, che pubblicò le sue scoperte in Homing Powers of the Cat nel 1922. Il metodo di Herrick era semplice, sebbene crudele e molto discutibile. Allontanò più volte e a diverse distanze, senza possibilità di vedere la strada, una mamma gatta che tutte le volte (tranne l’ultima – non è più tornata) era capace di ritrovare la via di casa per allattare i cuccioli.

Il comportamento felino è indubbiamente spesso misterioso, incompreso e a volte persino miracoloso. Una delle caratteristiche più intriganti dei gatti è la loro capacità di trovare la strada di casa attraverso vaste distanze. Questa capacità innata di ricerca è stata ben studiata in molte altre specie animali, tra cui uccelli, api e pesci. Ma come facciano i gatti smarriti o trasferiti a ritrovare la strada di casa, la momento rimane un mistero.

L’ipotesi dei campi magnetici

La Terra è coperta da campi magnetici: forze invisibili che si respingono o si attraggono a seconda che siano caricate positivamente o negativamente. I campi magnetici hanno origine nel profondo del nucleo del pianeta e si irradiano verso la superficie, dove sono influenzati dalle maree e da altre forze magnetiche provenienti dallo spazio. Ogni posizione sul pianeta ha una sua firma magnetica unica basata sulla forza del campo in quel dato punto nel tempo e nello spazio.

In una certa posizione, il campo magnetico punta direttamente verso il basso in una linea verticale; questo punto è il Polo magnetico nord verso il quale puntano sempre le bussole. L’attrazione del magnetismo sul polo è così grande che attira sempre il punto magnetico dell’ago. Molti animali sono in grado di trovare il nord magnetico.

Ma è solo una questione di campo magnetico?

Gli animali sviluppano un legame molto profondo non solo per un determinato luogo (di solito la casa o il territorio in cui vivono) ma anche nei confronti di un umano e a volte il richiamo di questa relazione li rende capaci di ritrovare la via di casa da luoghi molto lontani.

Ci sono due tipologie di casi di homing nel gatto:

1. Il gatto parte da un luogo sconosciuto e torna al luogo abituale (ad esempio quando viene rubato o ceduto a un’altra famiglia o viene perso o si trasferisce con il padrone in un’altra abitazione);

2.  Il padrone si trasferisce senza portare il gatto quindi parte per un luogo al gatto sconosciuto lasciandolo nel luogo noto.

Come si orientano i gatti

Come gli uccelli, usano tutti i mezzi in loro facoltà come:

Creazione di mappe mentali

Sorveglianza / osservazione del territorio

Senso dell’olfatto

Udito – suoni di elementi presenti

Campi magnetici 

La posizione del sole ( questa non è ancora accertata)

Le prime 4 capacità sicuramente sono utili al gatto che deve tornare a casa da un luogo che aveva già visitato o comunque non lontano dal suo territorio, ma sembra improbabile che questo possa aiutarlo in caso di grandi distanze e soprattutto da luoghi sconosciuti. Se i gatti, come gli uccelli, usano il sole e / o i campi magnetici per orientarsi, sicuramente la spiegazione è più ragionevole.

Che distanza può percorrere un gatto?

Finché la distanza è modesta e il gatto si trova in un’area familiare, può tranquillamente tornare indietro senza problemi.

E’ un fatto scientificamente accertato che i gatti hanno una straordinaria capacità di memorizzare mappe mentali, è una questione di sopravvivenza in natura.

I gatti sono ben noti per essere animali territoriali. Alcuni esempi di comportamenti territoriali li abbiamo quando il gatto strofinando il mento o i lati del corpo sulle nostre gambe, per esempio, o sugli oggetti in casa. Questi sono tutti modi di segnare il suo territorio attraverso i feromoni. I gatti lo fanno anche all’esterno per contrassegnare le loro case, strade e aree generali che considerano “loro” come un modo per inviare un messaggio agli altri gatti di attenzione prima di entrare.

Molto probabilmente, ai gatti cui viene offerta la flessibilità di esplorare all’aperto acquisiscono una comprensione più rapida dei territori circostanti .

I gatti sono dotati di sensi potenti. Occhi e orecchie non sono gli unici organi attraverso i quali un gatto vive il mondo. Il mantello e le zampe del tuo gatto sono responsabili della raccolta di informazioni dall’ambiente e della rapida trasmissione al cervello per l’elaborazione.

Vale per tutti i gatti?

Forse non tutti i gatti hanno lo stesso livello di sensibilità, il che potrebbe spiegare le differenze nella loro capacità di homing. Il fatto che i gatti usino o meno questa abilità è probabilmente influenzato dall’esperienza: un gatto semi-selvatico eserciterà questa abilità su base regolare, mentre un gatto indoor che si perde all’esterno potrebbe non essere in grado di farlo. Infine, la motivazione probabilmente influenza anche la volontà di un gatto di tornare a “casa”.

Alcuni studi hanno scoperto, infatti, che quasi tutti i gatti che presentavano comportamenti di homing erano gatti abituati all’aperto o vivevano rigorosamente all’aperto. Solo il 7% dei gatti è stato descritto come solo indoor e alcuni di questi potrebbero aver avuto precedenti esperienze all’aperto.

Sempre in base a questo studio i gatti soggetti avevano viaggiato attraverso i seguenti tipi di aree: urbana (città), suburbana, rurale (paese), su un’autostrada a 2 corsie, su un’autostrada a 4 corsie o attraverso un torrente o fiume. Il 45% (45%) avrebbe attraversato un’autostrada a 2 corsie mentre il 22% ha attraversato un’autostrada a 4 corsie. Il 38% avrebbe attraversato un torrente o un fiume.

Funziona sempre?

Purtroppo no, sembra però che ciò sia dovuto a incidenti, ostacoli e altri fattori di confusione, piuttosto che a un fallimento della capacità di geolocalizzazione del gatto. Anche la salute e lo stato emotivo del gatto sembrano svolgere un ruolo importante. Un animale ferito, preso dal panico o gravemente malnutrito potrebbe non essere fisicamente in grado di compiere il viaggio oppure potrebbe confondersi lungo il percorso.

Quali sono le situazioni a rischio?

  • Ti trasferisci in una nuova casa e il gatto torna alla casa precedente.
  • Stai viaggiando con il tuo gatto e scappa e torna a casa.
  • Il tuo gatto viaggia accidentalmente in un veicolo (ad esempio, entra nel camion di un imprenditore o in un furgone in movimento), esce in una posizione diversa e poi torna a casa.
  • Qualcuno prende intenzionalmente il tuo gatto e lo scarica da qualche parte e torna a casa.
  • Adotti un nuovo gatto e torna alla sua casa precedente.

Cosa fare se il gatto non è rientrato a casa

Quando un animale è estremamente spaventato, il suo istinto è quello di nascondersi e non emettere suoni. Anche se nelle vicinanze, i gatti indoor che si sono persi o i gatti malati / feriti spesso non miagolano quando i loro proprietari escono per chiamarli. Questo è un meccanismo istintivo di autodifesa e il gatto farà tutto il possibile per rimanere nascosto.

In questo stato di estrema paura, TUTTO è percepito come una minaccia – e tutti i sensi sono compromessi: la vista, l’olfatto (cibo) e il suono della voce del proprietario.

È completamente istintivo e automatico. Il gatto non sta scegliendo di evitarti e se non risponde quando lo chiami non significa che non ti ami. Si trova in una modalità difensiva per sopravvivere, ogni cosa deve essere trattata come una potenziale minaccia, incluso te.

Questi gatti sono alla disperata ricerca di un posto che percepiscono sicuro. Di solito si nascondono durante il giorno e sgattaiolano fuori di notte , quindi tornano rapidamente al loro nascondiglio.

È come se il mio gatto fosse scomparso nel nulla!.

E’ la frase più comune in questi casi. I gatti non possono semplicemente sparire, ma è un loro istinto quello di rimanere nascosti.

Solo perché non vedi il tuo gatto NON significa che il tuo gatto non sia lì

Può darsi che il gatto sia in grado di ritrovare la strada, ma tornare dall’attuale “luogo sicuro” (ovunque si trovi) a “casa” significa esporsi e non lo fa.

Quindi non presumere che se il gatto non è stato individuato o sentito miagolare, non deve essere lì.



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

COME PULIRE IN MODO EFFICACE L’URINA DEL GATTO?

Attenzione: il seguente articolo fornisce indicazioni su come pulire adeguatamente l’area sporcata. Questo è il primo passo fondamentale per poi procedere con la risoluzione del problema che sta alla base di questo comportamento. Le indicazioni fornite non sono la soluzione al problema!

Perché un gatto elimina fuori dalla cassettina?

Se il tuo gatto non sta usando la lettiera, è probabile che stia cercando di dirti qualcosa. 

GESTIONE DELLE CASSETTINE. Posizione, grandezza, tipo, sabbia, numero di cassette.

PROBLEMI MEDICI. La prima cosa che devi fare è escludere un problema medico. I problemi medici legati alla minzione inappropriata possono includere infezioni del tratto urinario, malattie renali, diabete, ipertiroidismo.

ETA’. Un gatto anziano può rinunciare all’uso della lettiera a causa dell’artrite. Con l’avanzare dell’età i gatti possono soffrire di artrite, il che rende più difficile per loro entrare nella cassettina, oppure la lettiera si trova in un posto che richiede al gatto di fare un’ardua attività fisica per raggiungerla, ad esempio salire le scale.

Una cassettina a bordi bassi può essere molto utile per un gatto anziano!

PROBLEMI DI COMPORTAMENTO. Una volta che hai escluso qualsiasi malattia con il tuo veterinario, determina se esiste una ragione comportamentale. Rivolgiti, in questo caso, ad un professionista qualificato in comportamento del gatto.

Hai bisogno di una consulenza? Clicca qui

Identificare il motivo del comportamento inappropriato del tuo gatto e lavorare il più possibile per prevenire il ripetersi del comportamento, è importantissimo anche un intervento precoce, quindi non aspettare troppo tempo prima di chiedere aiuto.

MARCATURE. I gatti spruzzano l’urina in verticale con un odore specifico che prende il significato di marcatura territoriale. La maggior parte dei mammiferi ha un senso olfattivo altamente sviluppato e gli odori e i feromoni urinari sono importanti molecole per la comunicazione chimica utilizzate nella riproduzione, nella territorialità e nel riconoscimento di un conspecifico. I gatti maschi spesso spruzzano l’urina su oggetti verticali, anche all’interno di casa, come le pareti, al fine di contrassegnare il loro territorio . Nelle urine di gatto viene escreto un amminoacido contenente zolfo, acido noto come felinina (oltre che la cauxina escreta come un importante componente urinario e che regola la produzione di felinina). Questa escrezione di felinina è regolata dal testosterone  e i gatti maschi espellono una grande quantità di felinina rispetto ai maschi castrati e alle femmine mature. Se il gatto non è sterilizzato consiglio di sterilizzarlo, se invece lo è già, è necessario valutare il problema a livello comportamentale.

I gatti possono spruzzare anche per problemi di stress, ansia o frustrazione, o per alcune condizioni come diete restrittive, tempo di gioco insufficiente o controversie territoriali con altri gatti. E’ importante identificare e rimuovere gli stimoli che lo portano a dare questa risposta. Consulta un professionista!

Composizione dell’urina del gatto

Per natura, i gatti non bevono grandi quantità di acqua. Questo rende le loro urine più concentrate. Al momento della minzione, il fluido è acido e mentre l’urina si asciuga, l’acido urico forma dei cristalli e diventa alcalino. Questo conferisce all’urina del gatto la caratteristica maleodorante.

Poiché i gatti hanno un senso dell’olfatto più forte rispetto agli umani, possono rilevare anche il più debole odore di urina, quindi molto spesso quello che a noi sembra pulito e senza odori, per il gatto è invece l’esatto contrario.

L’urina del gatto è una combinazione di ammoniaca, urea, urocromo, diversi batteri, ormoni, azoto e acido urico. L’urea è ciò che rende la pipì del gatto appiccicosa. L’urocromo la rende gialla e provoca le macchie. È l’acido urico che causa i cristalli nelle urine dei gatti e questo è il vero problema, perché sono i cristalli e i sali che emanano quell’inconfondibile odore. Una volta formati, questi cristalli sono impermeabili e questo permette al gatto in natura di marcare e garantire che questo odore persista nel tempo anche  sotto la pioggia.

L’odore specifico proviene inoltre dalla degradazione di uno specifico amminoacido, di cui abbiamo già parlato, la felinina. Questo particolare amminoacido, si degrada dopo l’escrezione e crea un odore persistente anche dopo aver ripulito l’area sporcata e può accentuarsi quando l’aria è più umida.

La dieta ha inoltre una forte influenza sull’odore dell’urina. I gatti domestici possono soffrire di una serie di malattie del tratto urinario in cui la dieta è implicata come un importante fattore causale. Un esempio di questo è l’urolitiasi, una condizione comune in cui si formano uroliti (cristalli) di vario tipo nel tratto urinario. 

È stato dimostrato che il potenziale di formazione di cristalli di struvite è ridotto se il pH delle urine è <6,6. Il pH indica l’equilibrio acido-basico dell’organismo, che nel gatto normalmente varia da 5.5 a 7.5.e, come in tutti i carnivori, deve essere più acido rispetto a quello dell’uomo.

Il pH dell’urina varia con la dieta e l’equilibrio acido-basico. Quando i gatti vengono nutriti con diete commerciali, è possibile ridurre il pH delle urine mediante l’aggiunta di agenti acidificanti alla dieta per prevenire la formazione di struvite.

Quindi, la composizione e le caratteristiche dell’urina sono direttamente correlate alla dieta del gatto.

In uno studio condotto sui gatti selvatici si è scoperto che il pH delle urine dei gatti selvatici era significativamente diverso tra i sessi, con le femmine che mostravano in media un pH inferiore (5,97) rispetto a quello dei maschi (6,37). La composizione delle urine di gatti selvatici era simile a quella riportata in altri studi su gatti domestici nutriti con diete formulate.

METODI DI ELIMINAZIONE dell’odore

Aceto

L’aceto può essere un ottimo sostituto economico per pulire l’urina del gatto. L’aceto è una forma debole di acido che si ricava attraverso la fermentazione di zuccheri o amidi.

Il processo è suddiviso in tre fasi. Il primo stadio, noto come fermentazione alcolica, in cui gli zuccheri negli ingredienti come cereali, frutta e verdura vengono scomposti dal lievito. Successivamente un batterio delicato, chiamato Acetobacter, viene aggiunto alla miscela per convertire l’alcool in acido acetico, che è la base principale dell’aceto. Infine, l’acido acetico risultante riceve una varietà di vitamine e minerali per migliorare ulteriormente il sapore.

Quando l’acido viene applicato agli acidi nel grasso, lo scompone rapidamente.

Quando l’aceto viene versato sulla zona contaminata, entro 5-10 minuti, quella macchia che contiene acido urico  verrà scomposta ed essenzialmente eliminerà l’odore dell’urina. L’aceto bianco distillato inoltre ha la capacità di uccidere il 99% dei batteri superficiali, l’80% dei germi e l’82% delle muffe.

L’aceto di mele, possiede circa la stessa acidità dell’aceto bianco e quindi lo stesso potere detergente. L’aceto di mele è fatto fermentando il sidro di mele.

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è un potente neutralizzante degli odori.

È atossico e completamente sicuro da usare con animali domestici e bambini. Mentre l’aceto è un liquido a base acida con un sapore aspro, il bicarbonato di sodio è una base alcalina con un sapore salato.

Il bicarbonato di sodio può essere efficace quanto l’aceto, ma affronta lo sporco in un modo completamente diverso. Invece di usare le proprietà acide per abbattere gli acidi nella sporcizia, il bicarbonato di sodio usa le sue proprietà alcaline (che significa avere un pH maggiore di 7) per neutralizzare gli acidi nello sporco.

Mentre l’aceto è principalmente buono per rimuovere la contaminazione microbica, il bicarbonato di sodio è migliore per attaccare oggetti più stratificati.

Attenzione però: non mescolare aceto e bicarbonato.

Anche se mescolare bicarbonato di sodio e aceto è completamente innocuo, finiscono per indebolirsi a vicenda durante il processo. Poiché l’aceto è un acido e il bicarbonato di sodio è una base alcalina, subiscono una reazione acido-base.

Un normale sapone

Quello che fa il sapone è formare un ponte che collega lo sporco all’acqua, in modo che il primo possa essere raccolto e rimosso dal pavimento. Il sapone è in realtà composto da acidi grassi (derivati ​​da oli o grassi) e una base (simile al sale), il che significa che ha sia gli attributi di essere respinto dall’acqua (idrofobo) sia di essere assorbito in acqua (idrofilo). Ciò consente alle particelle indesiderate di aderire a una superficie bagnata e di essere separate dal pavimento. Quindi essenzialmente il sapone non elimina l’urina, ma semplicemente consente di trasferirla da un posto all’altro.

Esistono anche saponi antibatterici , sui quali, peraltro, è in corso una controversia sul loro utilizzo per quanto riguarda l’antibiotico resistenza. Questi saponi sono formulati per essere in grado di uccidere i batteri che si trovano nelle urine, ma non ne distruggono la chimica. L’acido urico molto probabilmente rimane ancora per molto tempo dopo aver insaponato il pavimento.

PARTE PRATICA

È importante assorbire e rimuovere quanta più urina possibile e al più presto possibile per evitare che l’odore si intensifichi e il gatto sia stimolato a tornare su quel punto.

SE SI TRATTA DI URINA FRESCA

Asciugare immediatamente l’urina. Se si trova su un tappeto, un materasso o un mobile, asciugare delicatamente la macchia invece di sfregare o premere forte, poiché ciò può far penetrare più profondamente nel tessuto o nel cuscino. 

Se la pipì è su un pavimento duro, puoi semplicemente strofinarla o asciugarla.

→ Preparare una soluzione di acqua fredda e aceto. Dopo aver asciugato l’urina, mescolare 2 tazze (500 ml) di acqua fredda e 1 cucchiaio (15 ml) di aceto insieme in una piccola ciotola. L’aceto aiuterà a scomporre l’acido urico che contribuisce all’odore delle urine. 

→ Provare a testare il detergente in un punto poco visibile prima di usarlo sulla macchia.

→ Immergere un panno in microfibra o spugna nella soluzione e tamponare  delicatamente l’area. Fare attenzione a non premere troppo forte, in modo da non forzare l’urina e il detergente in profondità nel tessuto. 

→ Se si riesce ancora a vedere o annusare l’urina, ripassare di nuovo la macchia.

→ Asciugare l’area con un panno in microfibra. Dopo aver risciacquato quanto più possibile della soluzione, prendere un panno o un asciugamano in microfibra pulito e tamponare delicatamente l’area per assorbire l’umidità residua.

SE SI TRATTA DI URINA VECCHIA

Mescolare 3 cucchiai di bicarbonato di sodio e acqua e versare la soluzione in un flacone spray. 

→ Spruzzare il composto sulla macchia e lascialo riposare per un’ora. Se l’odore persiste spruzzare di nuovo l’area e attendere un’altra ora. 

→ Risciacquare tamponando l’area con un panno umido.

→ Asciugare la zona con un asciugamano pulito in microfibra. 

Come eliminare l’odore di urina di gatto da lenzuola e vestiti

Se la biancheria da letto e gli indumenti sono lavabili in lavatrice, sciacquare prima il punto sporcato con acqua fredda, quindi inserirli nella lavatrice con detersivo e una tazza di bicarbonato di sodio o un quarto di tazza di aceto bianco o di mele. Asciugare sempre la biancheria all’aria, poiché il calore dell’asciugatrice potrebbe bloccare l’odore prima che scompaia completamente. Potrebbe essere necessario risciacquare una o più volte.

Se la macchia è rimasta sul tessuto per molto tempo, potrebbe essere necessario fare un lavoro extra per eliminarla. Provare a posizionare il tessuto in un lavandino o in una vasca riempita con acqua fredda e 1 tazza di aceto e lasciarlo in ammollo durante la notte. Al mattino, lavare in lavatrice.

Risciacquare tamponando l’area con un panno umido e asciugare la zona con un asciugamano pulito in microfibra.

Togliere l’urina dal tappeto

Il tappeto è generalmente la superficie più difficile da cui rimuovere gli odori. Più a lungo l’urina si satura nel tappeto, più penetrerà in più strati e sarà più difficile da rimuovere. Per essere efficace, la soluzione deve raggiungere qualsiasi parte del tappeto che l’urina potrebbe aver toccato. Uno dei più grandi errori che le persone fanno spesso è concentrarsi solo sugli strati superiori del tappeto. 

Assorbi la maggior quantità possibile di liquido asciugando con un vecchio asciugamano.

Diluire l’aceto bianco con parti uguali di acqua e saturare la macchia con questa soluzione. Dopo 30 minuti, rimuovere quanto più liquido possibile. Potrebbero essere necessari diversi trattamenti. Il forte odore di aceto si dissiperà una volta asciutto.

Dopo il trattamento con aceto si può cospargere il bicarbonato di sodio secco sulla macchia e cospargerlo bene con uno spazzolino da denti. Una volta che è asciutto, aspirare il residuo con un aspirapolvere.

Se il legno su mobili, pareti, battiscopa o pavimento sono scoloriti, temo che  la vernice è stata corrosa dall’acido presente nelle urine.

Come eliminare l’odore di urina di gatto da cuscini e materassi

Cuscini e materassi possono essere puliti in modo simile ai tappeti. Immergere la parte interessata del cuscino in acqua. Asciugare il più possibile l’urina del gatto con un asciugamano, quindi immergere il cuscino in acqua e aceto. Lasciare riposare per 15 minuti, quindi rimuovere il liquido in eccesso prima di asciugare con un asciugamano. Se possibile, lasciare il cuscino il più a lungo possibile mentre si asciuga. Una volta asciutto bagnarlo e cospargere del bicarbonato. Una volta che il bicarbonato sarà completamente asciutto aspirare con l’aspirapolvere.

I materassi richiedono lo stesso processo del cuscino. Dopo aver applicato il bicarbonato di sodio, lascia riposare e asciuga.

Cuscini e materassi spessi possono richiedere diverse applicazioni per rimuovere completamente l’urina del gatto.

METODI DA EVITARE

La Candeggina

Certamente, la candeggina è un killer germe estremamente efficace ed è stato dimostrato che uccide i microrganismi più pesanti. Il processo di produzione della candeggina contenente cloro rilascia nell’aria diossina cancerogena e mercurio, dannosi per il cervello e certamente non sicuri da respirare.

PULIZIA A VAPORE

Dovresti evitare l’uso di pulitori a vapore per pulire l’urina. Il calore fisserà in modo permanente l’odore e la macchia legando la proteina a qualsiasi fibra prodotta dall’uomo.

PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE

La prevenzione è sempre il metodo migliore per non avere problemi!

La posizione della lettiera. Ad esempio, se un gatto viene facilmente sorpreso da rumori forti, la lettiera non dovrebbe essere mai posizionata in luoghi come la lavanderia o vicino a un apparecchio rumoroso. Deve essere facilmente accessibile durante tutto il giorno e tutta la notte.

L’uso della cassettina può diventare spiacevole a causa dell’odore perché la lettiera non viene pulita regolarmente.

L’ultima volta che ha urinato nella lettiera è successo qualcosa di negativo al gatto, quindi non si avvicina più a quel punto.

Aggiungere lettiere extra. Se in casa c’è più di un gatto, è necessario avere più di una lettiera per consentire ai gatti di avere più aree disponibili.

Utilizzare una sabbietta che il gatto preferisce.

Se hai bisogno di un consulto specifico per il tuo caso contattami!







ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

CATNIP -NEPETA CATARIA

Per sopravvivere le piante devono continuamente produrre sostanze chimiche, sia per attirare gli impollinatori che le aiutano a riprodursi, sia per utilizzarle come repellenti per le potenziali minacce di erbivori o parassiti.

Che cos’è la Catnip?

Con il termine Nepeta si indica un genere di pianta, della stessa famiglia della menta, a cui appartengono moltissime specie (più di 250) , diffusa soprattutto nelle zone temperate dell’Europa, presente in quasi tutte le regioni d’Italia. 

La specie cataria si contraddistingue per il fusto eretto e ramoso che può superare il metro d’altezza ed è stata a lungo associata ai gatti per il suo effetto particolare.

Cataria è un termine di origine latina “catus” che significa “gatto”. 

Gli Effetti della Catnip

E’ stato determinato che la risposta o meno di un gatto alla Nepeta Catariaè dovuta alla presenza o meno di un determinato gene. Si ritiene infatti che la reazione alla catnip sia causata da una caratteristica ereditaria correlata a un gene autosomico dominante e l’effetto non è solo esibito nei gatti domestici, ma è anche esibito da altri membri della famiglia dei felidi, come leoni, tigri, puma e la lince. La reazione è dovuta alla chimica della pianta.

Circa il 30% dei gatti, quindi, non reagisce alla catnip e solo i gatti che hanno raggiunto la maturazione sessuale (dopo i sei mesi di età) risponderanno a livello comportamentale.

Gattini molto giovani e gatti anziani potrebbero non mostrare alcun effetto e potrebbero persino evitarla.

Se il tuo gatto non risponde, quindi, potresti essere interessato a sapere che potrebbe invece reagire alla valeriana (Valeriana officinalis) che non contiene proprio lo stesso principio attivo, ma ne contiene altri che sono molto simili.

Gli oli aromatici annusati dal gatto vengono, quindi, a contatto con i recettori olfattivi. Questi recettori sono collegati al cervello e influenzano il suo comportamento. 

Il “bulbo olfattivo”, è infatti una regione nella parte anteriore del cervello responsabile dell’elaborazione degli odori. Questa regione invia delle segnalazioni alle altre regioni del cervello, tra cui l’amigdala, responsabile delle risposte emotive agli stimoli e l’ipotalamo, responsabile delle risposte comportamentali agli stimoli. 

Ciò si traduce nella risposta osservata nei gatti – una risposta che è in realtà è simile alla loro risposta ai feromoni sessuali naturali.

L’amigdala integra il flusso di informazioni dalle cellule del bulbo olfattivo alle aree che regolano le risposte comportamentali. L’ipotalamo regola le risposte neuroendocrine attraverso la ghiandola pituitaria, creando una “risposta sessuale”. Cioè, il gatto reagisce essenzialmente a un feromone di gatto artificiale.

I gatti a questo punto, annusano, si strofinano, leccano e masticano l’erba, che rilascia più olio volatile – il nepetalattone – che modifica l’umore. I segni possono variare tra i gatti, ma spesso la catnip induce uno stato di euforia oppure di calma.

L’effetto dura dai 5-15 minuti per poi svanire e non è ripetibile per almeno 1-2 ore.

PRINCIPIO ATTIVO

Catnip contiene un composto organico chiamato nepetalactone, un terpenoide,  più precisamente un monoterpene, che è simile nella struttura all’actinidina a quello presente anche nella valeriana. Entrambi questi componenti sono considerati attrattivi per i gatti. Il nepetalactone e i suoi isomeri costituiscono il 70-99% dell’olio essenziale che può essere ottenuto dalla pianta.

La pianta produce nepetalattone nelle foglie e nei fiori e l’obiettivo sono gli insetti, sui quali è stato dimostrato che ha un forte effetto repellente.

Questa semplice, piccola molecola però fa parte di una catena insolita di eventi, mai vista prima dai chimici. 

Il nepetalattone infatti fa parte di una grande famiglia di monoterpeni ciclici chiamati iridoidi, che vengono sintetizzati in modo leggermente diverso dagli altri. Viene ciclizzato in un processo in due fasi.

Di solito nelle piante, ad esempio la menta piperita, i terpeni sono formati da un singolo enzima. I terpeni di catnip invece si formano in un processo in due fasi; un enzima attiva un composto precursore che viene quindi afferrato da un secondo enzima per produrre la sostanza.

Insomma, una pianta misteriosa, così come lo è il gatto 🙂

COMPORTAMENTI CORRELATI

Alcuni gatti appaiono in estasi e possono sbavare o rotolare sul pavimento.

Alcuni gatti diventano iperattivi con eccessiva vocalizzazione, inseguimento e comportamenti di caccia.

Altri possono mostrare segni di aggressività.

Il contatto del gatto con la nepeta risulta in una successione di comportamenti in quattro fasi:

  1. il gatto annusa la pianta (per l’olfatto umano le foglie hanno un odore affine a quello della menta)

2. il gatto lecca le foglie e a volte le mastica

3. spesso si interrompe per fissare il cielo con uno sguardo assente, poi agita velocemente la testa da un lato all’altro

4. si strofina contro la pianta con il mento e le guance. Quindi ruota tutta la testa strofinando l’intero corpo contro la pianta.

Ma è sicura?

La catnip è in realtà molto sicura e non crea dipendenza.

Non bisogna esagerare però, se ne mangiano molta, possono vomitare e avere un pò di diarrea, che si risolverà comunque in breve tempo.

Dal momento che possono essere un pò disorientati dagli effetti, non è possibile escludere un infortunio quindi meglio fare attenzione all’ambiente in cui si trova quando viene somministrata.

Inoltre, non deve essere somministrato a gatti in gravidanza.

Alcune RACCOMANDAZIONI

FAMIGLIA MULTIGATTO: Ci sono alcuni gatti che diventano aggressivi quando vengono esposti alla catnip. In una famiglia multigatto, è meglio testare prima la risposta di un gatto offrendo l’erba a ciascuno individualmente in modo da poter valutare le reazioni. Alcuni gatti diventano sovrastimolati e aggressivi quando vengono a contatto con questa pianta e questo può diventare particolarmente problematico nelle case multi-gatto in cui le relazioni non sono buone. Se la convivenza non è buona e se si è di fronte ad una nuova introduzione non pensate di utilizzarla per farli giocare assieme o farli incontrare in modo “controllato” ed euforico perché potreste peggiorare notevolmente la situazione. 

Alcuni gatti possono diventare davvero disinibiti e giocare un pò più duramente, a volte mordendo e graffiando eccessivamente. 

Bisogna evitare di usare catnip con gatti aggressivi perche può provocare aggressioni nelle circostanze sbagliate. 

QUALITA’: Al momento dell’acquisto del catnip, cerca un prodotto organico con più foglie e fiori poiché questi sono più potenti di una catnip di grado inferiore, contenente più steli. Al momento dell’acquisto di catino essiccata, guarda la confezione e cerca di trovare marchi che affermino di usare solo foglie e fiori.

CONSERVAZIONE: È possibile conservare la busta o il contenitore di catnip nel frigorifero o nel congelatore per prolungarne la durata. Nel tempo la catnip e il suo olio volatile perdono infatti la loro potenza.

ASSUEFAZIONE: Se i gatti sono esposti alla catnip frequentemente, potrebbero non rispondere più. Raccomando di non somministrarla più di una volta ogni due o tre settimane per prevenire l’assuefazione.

L’esposizione costante alla catnip per brevi periodi di  tempo può rendere il gatto immune ai suoi effetti.

UTILIZZI UTILI

La pianta ha anche un effetto calmante, generalmente se ingerita, che è molto utile come strumento per affrontare i comportamenti legati allo stress. Catnip può attirare i gatti, il che in alcuni casi può essere un prezioso alleato nella modifica del comportamento. 

VIAGGI NEL TRASPORTINO

Se il gatto  non ama viaggiare si può usare  catnip per aiutarlo ad accettare il trasportino. Non solo la catnip potrebbe indurli a entrare nel trasportino, ma il profumo una volta entrati, potrebbe addirittura calmarli. In ogni caso si sarà verificata un’associazione positiva tra l’oggetto e effetto dell’erba.

COMBATTERE LA NOIA

Catnip può essere strofinato su oggetti su cui si desidera attirare il gatto. Ciò include giocattoli vecchi o nuovi, cucce per gatti, tiragraffi, lettiere ecc…

GRAFFIATURE

Il gatto non utilizza il tiragraffi? Dopo averlo posizionato correttamente, strofina il tiragraffi con catnip per renderlo più attraente. Il gatto sarà attratto e comincerà ad utilizzarlo. E’ necessario comunque che l’oggetto sia robusto e sufficientemente alto perché il gatto possa farsi le unghie in modo appagante. 

LUOGHI NUOVI DI RIPOSO

Cospargi un pò di erba sul cuscino del gattino per renderlo più attraente. 

GIOCHI

Puoi anche fornire l’arricchimento per un gatto indoor creando dei giocattoli con catnip. Cospargi un po ‘di erba secca in un vecchio calzino, quindi annoda la parte superiore. Oppure inseriscila in un sacchetto di carta e schiaccialo a palla. È arricchente e divertente – aiuta a evitare che i gatti si annoino. 

Catnip stimola i gatti obesi e sedentari a muoversi, fare attività e quindi bruciare un pò di calorie.
I vecchi giocattoli che sono ormai ignorati dal gatto possono diventare di nuovo interessanti dopo essere stati strofinati con l’erba. 

Il mio consiglio è di acquistare i giocattoli preferiti e cospargerli o inserire la catnip essiccata, non lasciandoli sempre disponibili, ma proponendoli in diversi momenti. 

Incoraggia l’attività durante stati emotivi negativi:

Catnip può aiutare i gatti che vivono un pò di depressione concentrandoli sulle attività e incoraggiandoli a interagire con il loro ambiente. 

Incoraggia i gatti timidi

I gatti timorosi e timidi possono agire più coraggiosamente e diventare un po ‘più disposti a socializzare con le persone. Se hai un gatto timido o pauroso, offri un pò di catnip in modo che abbia la possibilità di perdere gradualmente alcune delle sue inibizioni. 

Se stai riscontrando problemi per attirare il tuo gatto nel gioco assieme, prova a far partire una sessione di gioco con un pò di catnip. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER: